Caricamento Eventi

ENGNANT – la forza di un paese

7 dicembre 2018-9:00/30 aprile 2019-18:00

ENGNANT – la forza di un paese – Vermiglio

Mostra di opere del gruppo di artisti trentini La Cerchia”

Sala Mostre  –  Polo Culturale Vermiglio

Aperta dal 07 dicembre al 30 aprile

da lunedì a sabato dalle 9.00 alle 12.00 e dalle 15.00 alle 18.00

E’ con piacere che la Cerchia accoglie l’occasione di questa mostra: prima di tutto perché ci permette di completare il discorso cominciato qualche anno fa con “Vermiglio 1915-2015: l’esodo”, poi perché riteniamo comunque importante un dialogo con le realtà locali del nostro territorio. E’ un confronto che se da parte nostra ci stimola ad affrontare nuove tematiche, viene anche incontro a una richiesta di valorizzare alcuni momenti della storia locale; situazioni che possono più o meno intrecciarsi con avvenimenti di più ampio respiro (come in questo caso la prima guerra mondiale). ma che comunque hanno segnato la vita di quei luoghi.

Il titolo della mostra è Engnant, che significa, nella parlata locale, andiamo avanti: la mostra infatti vuole evocare gli anni successivi alla prima guerra mondiale, in cui Vermiglio trova la forza e la caparbietà per ripartire. Sono anni in cui, per quanto possibile, si cerca di elaborare un lutto che è sia collettivo che individuale. E’ il momento in cui il sollievo per il ritorno della deportazione si scontra con la visione di un paese devastato e distrutto; è un rientro amaro in cui, per così dire, non c’è  tempo per pensare e bisogna darsi subito da fare, in cui la comunità mostrerà tutta la sua capacità di reagire e andare avanti.

Rendere presente ciò che è assente è una delle funzioni fondamentali delle immagini. Inoltre sappiamo che le immagini possono parlarci di cose che stanno al di fuori di noi, dentro di noi, oppure di una situazione in cui queste due categorie si sovrappongono. Quest’ultimo è il caso di Engnant:  qui quello che l’artista deve essere capace di evocare con le immagini è uno stato d’animo e una condizione materiale di un momento preciso del passato in modo che sappia parlare al presente.

Ripercorrere questi eventi attraverso l’arte implica essere consapevoli della necessaria discordanza tra il riferimento, più o meno diretto, al dato reale e l’immagine che ce ne facciamo: ogni volta che lo sguardo mette a fuoco qualcosa noi compiamo, per abitudine, una selezione rispetto a quello che vediamo. E’ in questa dinamica che l’artista si inserisce con il suo intervento, in grado di reinventare, volta per volta, quello che di prevedibile c’è nell’immagine. E’ un gioco, potenzialmente interminabile, tra sguardo e rappresentazione che ci indica, tra l’altro, che le cose rappresentate sono vive e che sono parte integrante del nostro immaginario.

Adriano Fracalossi – Presidente “La Cerchia”

Verméi

Ascolto il passo mio nel battito del cuore,l’avvicinarsi si fa più emozionante.

So che là ,dopo l’ultimo crinale, il paese mio mi appare.

Vola via il tempo, tanto, passato lontano.

Ora sento ancora il respiro del mio paese, raccolgo l’odore, i miei passi hanno rallentato l’andare.

Voglio assaporare la mancanza che fin ieri m’ha fatto compagnia.

Mi fermo, davanti ora ci sei, ci sei tu “ses propria ti”.

Le ciglia umide ora toccano guance sorridenti.

Sono a casa.

la neve attutisce i rumori di gente viva che affronta sorridendo il grande inverno.

Non notano il mio ritorno ma io mi esplodo di gioia!

Sono qui, ancora.

Osservo visi non dimenticati, case non scordate.

Il trambusto del gran flocà mi anima ancor di più, come…non fossi  mai andato via.

Son qui, Vermiglio vestito di bianco, come le betulle all’avvicinarsi dell’inverno.

Sono qui, ti guardo.

Felice racchiudi quel poco che basta, pere essere felici di essere qui.

Piergiorgio Longhi

 

Nei versi della poesia di Longhi Piergiorgio si percepisce quel misto di emozioni che immagino abbia riempito l’animo dei vermigliani al rientro dal lungo esilio trascorso presso il Barackenlager di Mittendorf. Per due anni e mezzo hanno custodito nel cuore l’immagine del loro paese, ne hanno sentito il respiro e “raccolto” l’odore. In quella terra straniera hanno tentato con tenacia e coraggio di far rivivere la comunità, di ridare dignità alla loro vita, sempre nella speranza di poter un giorno scorgere dopo l’ultimo crinale il loro paese e di esclamare ci sei, ci sei tu, “ses propria ti”. Purtroppo non è l’immagine ovattata che rappresenta il nostro poeta nella seconda parte  della poesia ad aspettare i vermigliani dopo l’esperienza di Mittendorf. Ai loro occhi appare uno scenario spettrale, un’immagine di silenziose macerie, un’atmosfera dove appare difficile riconoscere il  volto del paese. Un incubo, un dolore che si aggiunge alle tante altre sofferenze subite nei mesi trascorsi lontano: senso di sradicamento, di abbandono e soprattutto disperazione per la perdita dei propri cari. Ed ora la distruzione delle case, l’immagine confortante del paese custodita con tanta nostalgia viene improvvisamente calpestata e la disperazione e il senso di smarrimento travolgono gli animi di coloro che per primi raggiungono gli edifici di Vermiglio. Ma anche in questa esperienza la popolazione dà prova di grande forza e tenacia e intraprende a testa bassa il cammino tutto in salita della ricostruzione. E’ un motore che a ritmo serrato e silenzioso coinvolge tutti e tutto e che in breve tempo fa ripartire la vita della comunità.                                                                  A cento anni da questa tragica esperienza, l’Amministrazione comunale ha voluto riprendere la preziosa collaborazione con il gruppo di artisti La Cerchia per dare espressione, attraverso l’allestimento della mostra “Engnant”, alla forza del paese nei difficili anni della ricostruzione. Gran parte delle opere mostrano vari aspetti della vita quotidiana dei vermigliani, in cui emerge in modo particolare il loro attaccamento al lavoro e alle tradizioni. Nelle varie espressioni artistiche si coglie la volontà di ricostruire l’identità di una comunità e di ripartire con le attività lavorative indispensabili per garantire una sopravvivenza dignitosa ad ogni individuo.                                                       Ricostruire significa anche riconquistare un equilibrio, una serenità che traspare dalla maggior parte delle opere. All’angoscia della perdita fa da contraltare il sollievo di aver fatto ritorno alla propria terra e al primo grido di disperazione davanti all’immagine del paese distrutto segue comunque la gioia di esserci di nuovo.                                                                                                                                                                             Seppur nella fatica e nelle difficoltà della ripartenza, possiamo dunque fare nostri i versi di Longhi Piergiorgio per esclamare:

Sono qui, ti guardo.                                                                                                                                                                                                                        Felice                                                                                                                                                                                                                                                   racchiudi quel poco                                                                                                                                                                                                                          che basta, per essere                                                                                                                                                                                                                        felici di essere                                                                                                                                                                                                                                    qui.

Anna Panizza

Sindaco di Vermiglio

 

 

Dettagli

Inizio:
7 dicembre 2018-9:00
Fine:
30 aprile-18:00
Categoria Evento:

Organizzatore

Organizer:
Comune di Vermiglio

Luogo

Sala Mostre del Polo Culturale di Vermiglio
Vermiglio, 38029 Italia
+ Google Map: