Caricamento Eventi

ILARIA GASPARRONI Ripartire dal ricordo | Forte Strino

18 luglio-17:30/13 settembre-18:00

ILARIA GASPARRONI Ripartire dal ricordo

 a cura di SERENA FILIPPINI

Per il periodo estivo il Forte Strino a Vermiglio (TN) propone la mostra personale dell’artista Ilaria Gasparroni
(Sant’Omero, TE 1989) dal titolo Ripartire dal ricordo a cura di Serena Filippini che inaugura sabato 18 luglio
2020 alle 17.30.
Si tratta di un percorso espositivo che, attraverso alcune opere scultoree in marmo, dà vita ad un intenso dialogo
con i suggestivi spazi del forte austro-ungarico.
Le opere di Ilaria Gasparroni, infatti, si collocano a metà strada tra presente e passato perché, pur utilizzando un
materiale, il marmo, che nei secoli è stato impiegato nell’arte dai più grandi artisti di ogni epoca, rimangono ancorate
alla contemporaneità che stiamo vivendo, per modalità di utilizzo, per tematiche affrontate e per evidenti
motivi generazionali legati alla giovane età dell’artista.
Fin dalla loro essenza, quindi, esse possiedono un profondo legame con il Forte Strino e il suo essere simbolo del
passato, ma nello stesso tempo testimone del presente, dal momento che, essendo museo, continua a raccontare
storie e vive nell’oggi, anche attraverso le mostre d’arte contemporanea che negli anni, a partire dalla sua apertura
nel 1998, esso ha ospitato.
Con Ripartire dal ricordo si è quindi pensato di sviluppare una silenziosa conversazione tra le opere e il forte o, per
meglio dire, la storia che appartiene alla zona in cui esso si trova, protagonista degli eventi della Grande Guerra.
Terminate le celebrazioni legate al centenario della Prima guerra mondiale di questi ultimi anni ci si vuole ora
concentrare su ciò che accade una volta concluse le ostilità: i combattimenti cessano, i territori vengono spartiti,
ma le persone rimangono e a loro non resta che ricostruire tutto ciò che è stato distrutto durante gli anni del conflitto,
non soltanto a livello architettonico ma anche per quanto riguarda i loro ricordi personali, le convinzioni e
i desideri che, inevitabilmente, con la guerra sono stati accantonati, se non addirittura dimenticati.
In questa riflessione si inseriscono le opere di Ilaria Gasparroni che, attraverso il marmo, materiale che, tra l’altro,
è emblema di resistenza e perseveranza, racconta storie di persone, di luoghi, utilizzando simboli, gesti
e frammenti che rimandano alla nostra umanità, requisito che, evidentemente, accomuna tutti quanti, spesso
inserendo nelle sue sculture anche oggetti personali, frasi legate a storie vere e vecchie fotografie.
Tra le opere selezionate per la mostra è compresa anche la serie completa Poesie in marmo (2019), dedicata ai Fiori
del male, ispirata alla famosa raccolta di poesie di Charles Baudelaire che riflette su ciò che di bello può essere
estratto dal male per arginare la Noia (spleen) e sulle fragilità dell’uomo moderno, alludendo, per quanto attiene
al Forte Strino, alla rinascita che dalle difficoltà consegue ad ogni guerra, alla volontà di ripartenza e, nel caso
specifico, alla ricostruzione di un paese come Vermiglio, devastato dai bombardamenti, e ai suoi abitanti che,
dopo aver cambiato nazionalità, sono costretti a sfruttare il granito del forte per ricostruire le proprie case, riconoscendo
nel ricordo la via salvifica per andare avanti.
Mai come in questo momento storico il tema della rinascita e della ripartenza dalle vicende che accadono nella
nostra vita risulta così attuale, e questa mostra, che già di per sé custodisce l’attesa della ripartenza di un progetto
dopo mesi di stasi, può senz’altro offrire ai visitatori qualche sollecitazione, da un lato provando a riportarli
indietro di cent’anni, facendoli immedesimare nelle storie di chi ci ha preceduto, ma dall’altro riflettendo anche
su ciò che avviene oggi e su di noi, protagonisti di questo strano ventunesimo secolo.

ARTISTA
Ilaria Gasparroni
Nasce a Sant’Omero (TE) nel 1989.
Inizia la sua formazione artistica presso l’Accademia di Belle Arti di Urbino (PU) in Tecniche del marmo e delle
pietre dure durante gli anni accademici 2009-2014, laureandosi col massimo dei voti.
Vive e lavora ad Alba Adriatica (TE) dove ha un laboratorio/studio di scultura e attualmente collabora con diversi
privati e con un’azienda di lavorazione dei marmi e delle pietre presso Ascoli Piceno (AP).
Il lavoro di questa artista si articola attraverso un’ampia gamma di linguaggi che hanno come ispirazione la letteratura,
la filosofia, la natura e la geometria.
L’uomo e il suo quotidiano sono motivi di particolare attenzione dai quali l’artista trae spunto per affrontare le
diverse tematiche che toccano la storia presente come quella passata, mettendo così in relazione individui, luoghi
e narrazioni.

CURATRICE
Serena Filippini
Nasce a Brescia nel 1995. È laureata in Didattica dell’arte per i musei e specializzata in Comunicazione e didattica
dell’arte.
A Milano è tra i curatori del Premio Arti Visive San Fedele 2019/2020, collabora con gallerie d’arte e lavora per
istituzioni museali come la Collezione Paolo VI – arte contemporanea di Concesio (BS), dove si occupa delle attività
didattiche, la CoArtCo – Collezione d’arte contemporanea a Bagnolo Mella (BS) di cui è curatrice e direttrice
artistica, il Forte Strino e il Museo della guerra di Vermiglio (TN).
Nel 2019 ha ideato e curato il progetto espositivo Sottopelle. Storie di memorie e persistenze collaborando con
istituzioni e gallerie lombarde, venete e trentine.
Scrive per la rivista d’arte Espoarte e prosegue la sua ricerca come critico e curatore indipendente.

TITOLO: Ilaria Gasparroni. Ripartire dal ricordo
A CURA DI: Serena Filippini
DATA E LUOGO: dal 18 luglio al 13 settembre 2020, Forte Strino, Vermiglio (TN)
Inaugurazione sabato 18 luglio alle 17.30.
Per ragioni di sicurezza legate all’emergenza sanitaria all’inaugurazione è possibile partecipare solo su prenotazione
contattando l’Ufficio informazioni di Vermiglio al numero 0463 758200 o all’email info@vermigliovacanze.it

ORARI DI APERTURA:
dal 19 luglio al 6 settembre 10.00-12.30 e 14.00-18.30
dal 22 luglio al 26 agosto apertura serale con visita guidata tutti i mercoledì 21.00-22.30
dal 7 al 13 settembre 14.00-18.00

CON IL PATROCINIO E IL SOSTEGNO DI: Comune di Vermiglio
IN COLLABORAZIONE CON: Arteam – Associazione culturale
CATALOGO: vanillaedizioni
CONTATTI:
Ufficio informazioni di Vermiglio
Tel: 0463 758200
E-mail: info@vermigliovacanze.it

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Dettagli

Inizio:
18 luglio-17:30
Fine:
13 settembre-18:00
Categoria Evento:

Luogo

FORTE STRINO
Vermiglio, Trento 38029 Italia

Organizzatore

Organizer:
VermiglioVacanze
Phone:
0463.758200
Website:
www.vermigliovacanze.it/emozioni-in-alta-quota